Migliori maschere per capelli 2018

I tuoi capelli sono rovinati, deboli o sfibrati? Il clima o l’uso di phon e piastre li ha resi secchi e opachi? Una tinta o una decolorazione li hanno trasformati in una massa crespa? Non preoccuparti: oggi ti basta acquistare una maschera per capelli e non ci sarà bisogno di ricorrere alle forbici! Scopri insieme a noi come scegliere la migliore maschera capelli: in commercio ce ne sono di tutti i tipi e ti basterà conoscerne le caratteristiche per poter acquistare il prodotto perfetto per la tua chioma.

Informazioni generali sulle maschere per capelli

Oggi i capelli sono sottoposti a grandi stress: ogni quanto cambi acconciatura? Devi lavare i capelli molto spesso? Ti piace fare tinte e decolorazioni? Ricorri spesso a phon, piastra o arricciacapelli per la piega? Sia i dispositivi ad uso domestico che le sedute dai parrucchieri, oggi sono alla portata di tutti e presentarsi con i capelli in ordine è d’obbligo. Avere la possibilità di acconciarsi i capelli in ogni momento e di cambiare spesso look, è sicuramente un vantaggio! Purtroppo il rovescio della medaglia è che la chioma subisce molto stress, presentandosi a volte secca, debole, sfibrata e crespa. Un tempo non c’erano molti rimedi e si doveva ricorrere a una bella sforbiciata, mentre attualmente esistono vari prodotti miracolosi che possono salvare i capelli.

In commercio ci sono vari tipi di maschere e, a seconda del tuo caso, potrai optare per una maschera per capelli grassi o maschera capelli secchi, piuttosto che per una maschera per capelli rovinati. Esistono anche prodotti specifici per chiome particolari: la maschera per capelli ricci è per esempio studiata per ovviare a tutti i problemi che presenta questa tipologia di chioma.

Storia delle maschere per capelli

maschera per capelliTuttora si trovano in giro per il web ricette per creare maschere per capelli fai-da-te, con l’utilizzo di maionese, olio, uova, … Un tempo non c’erano molte alternative e le nostre nonne potevano ricorrere solo a queste soluzioni. I rimedi naturali possono sicuramente aiutare, ma spesso comportano dei piccoli problemi: dopo una maschera all’uovo sarà molto difficile mandar via l’odore, così come dopo una maschera all’olio lascerà i capelli molto unti e serviranno molti lavaggi.

I capelli delle nostre nonne non subivano nemmeno tutti i trattamenti stressanti che sopportano i capelli di ogni donna di oggi, quindi una maschera naturale poteva essere più che adatta a rimettere in sesto chiome leggermente rovinate.

Le prime maschere per capelli hanno fatto la loro comparsa nei saloni di parrucchieri, poi pian piano ne sono state inventate di diversi tipi e con varietà di prezzi adatti a tutte le tasche. Tuttora esistono prodotti esclusivi che possono essere acquistati solo dai professionisti del settore, ma tutti possono trovare maschere più o meno costose in supermercati, profumerie e farmacie.

Perché le persone dovrebbero utilizzare delle maschere per capelli?

Le maschere per capelli non sono prodotti destinati al solo pubblico femminile, ma anche a quello maschile, che oggi sfoggia tagli medi e anche lunghi, necessitando di particolari cure.

I capelli sono soggetti a stress in ogni momento della giornata: smog, cambi di temperature stagionali, cloro o acqua di mare, lavaggi frequenti, messe in piega, tinte e decolorazioni, elastici, gel, lacche, … Senza contare che anche il nostro stress personale si riflette su di loro, così come le nostre abitudini alimentari.

Una maschera capelli permette di rimediare a tutti questi danni, riportando la chioma alla sua bellezza. Ci sono anche particolari capigliature, come quelle ricce, che per natura tendono ad essere crespe e esistono maschere studiate appositamente per questo caso.

Usare una maschera è molto semplice e non porta via tempo: dopo il lavaggio è sufficiente applicare il prodotto su tutta la lunghezza e lasciarlo in posa per un periodo che in genere non supera i 10 minuti.

Alcune persone hanno sempre bisogno di utilizzare maschere per capelli, in quanto i problemi sono dovuti alle naturali caratteristiche della chioma, altre possono non averne particolare bisogno se non durante certi periodi dell’anno, come nei cambi di stagione.

Che tipi di maschere per capelli ci sono?

Oggi esistono shampoo e balsamo per ogni tipo di chioma: per capelli ricci o lisci, fragili o crespi, secchi o grassi, trattati o naturali, … diciamo che ogni persona può personalizzare i propri prodotti beauty semplicemente optando per la confezione più adatta.

Tutte le maschere hanno in genere un effetto nutriente, ristrutturante e protettivo, ma troviamo prodotti di diverso tipo, ognuno studiato per un particolare tipo di chioma o per risolvere un determinato tipo di problema.

Vediamo i tipi di maschere più comuni e come agiscono.

Maschera per capelli ricci

Se pensi che chi ha una chioma riccia si possa svegliare con i capelli sempre in ordine ti sbagli! I capelli ricci sono molto belli quando i boccoli sono ben definiti e spesso richiedono particolari cure e l’utilizzo di schiume o lacche. Le ragazze ricce si svegliano al mattino con la parte di chioma a contatto col cuscino “piatta” e devono ogni volta rimediare: anche i capelli ricci sono quindi soggetti a trattamenti giornalieri e hanno bisogno di maschere ad hoc. Le chiome ricce tendono a presentare capelli più “pesanti” e crespi, per questo le maschere per capelli ricci tendono a essere più leggere per non appesantire e contengono ingredienti che aiutano a rendere i ricci più definiti, facilmente pettinabili e più morbidi.

Maschera per capelli lisci

Hai sempre invidiato la tua amica dai capelli “a spaghetto”? Certo, i capelli molto lisci sembrano sempre in ordine, ma spesso risultano piatti e prive di volume. Una maschera per capelli lisci punta quindi a donare volume.

Maschera lisciante

Qui occorre fare attenzione: prima abbiamo parlato della maschera per capelli lisci, ora parliamo di una maschera lisciante, adatta a chi ha capelli mossi e vuole renderli lisci. I questo caso il prodotto agisce con un effetto anticrespo e rendendo più semplice la messa in piega.

Maschera capelli secchi

Hai i capelli secchi? In questo caso la maschera sarà studiata per offrire una maggiore funzione idratante.

Maschera per capelli grassi

Ecco invece il problema dei capelli grassi e l’odioso effetto unto. Le maschere per queste chiome sono purificanti e astringenti.

Maschera per capelli crespi

I capelli crespi sono davvero odiosi e per rimediare esistono maschere molto nutrienti.

Maschera per capelli rovinati o sfibrati

In certi periodi dell’anno i capelli risultano davvero sfibrati, come dopo il periodo estivo, quando inizia a vedersi l’effetto di sole, acqua di mare e cloro. Una maschera in questo caso sarà molto nutriente e ristrutturante.

Maschera per capelli trattati

I capelli tinti tendono a perdere la loro tonalità e questo tipo di maschera li ristruttura cercando al contempo di renderli più lucenti e proteggendo il colore.

Maschera per capelli sottili e fragili

In questo caso gli ingredienti selezionati saranno principalmente dedicati a donare forza e robustezza, migliorando al tempo stesso la struttura del capello e donando volume e corposità.

Ovviamente si possono avere capelli ricci e crespi al tempo stesso, in questo caso occorre valutare le proprie priorità: una maschera per capelli ricci è sicuramente più indicata rispetto a una per capelli crespi, in quanto aiuta anche a definire il riccio.

Di che ingredienti sono fatte le maschere per capelli?

Una maschera per capelli tende a utilizzare oligoelementi, ovvero ferro, magnesio, zolfo, zinco e rame. La carenza di tali minerali si riflette sui capelli, rendendoli deboli, opachi e fragili. In particolare lo zolfo aiuta a contrastare i capelli sottili e sfibrati; lo zinco ne favorisce la crescita; il magnesio aiuta la crescita e interviene nella produzione di melanina, il ferro ossigena la cute e favorisce la produzione dei pigmenti; il rame aiuta la sintesi della melanina.

Gli ingredienti più specifici sono selezionati in base al tipo di maschera e alla chioma per cui è stata studiata.

Una maschera nutriente per capelli, indicata per capelli fragili e sfibrati, reintegra il film lipidico sui capelli con sostanze grasse, quindi oli e burri vegetali sono tra gli ingredienti più utilizzati per maschere di questo tipo.

Una maschera idratante capelli è invece indicata per i capelli secchi e crespi e conterrà elementi che apportano acqua e che limitano l’evaporazione: le mucillagini. La mucillagine si trova nell’aloe, nei semi di lino, nella malva, ma anche in altre piante ed è un polisaccaride che si gonfia a contatto con l’acqua, formando una viscosità che crea un film naturale sul capello.

Una maschera ristrutturante capelli aiuta a salvare i capelli danneggiati, fini per natura o rovinati da trattamenti quali tinture o utilizzo di piastre e phon. L’ingrediente immancabile in questo tipo di prodotto è la cheratina, una proteina che regola la struttura dei capelli e che gli dona corpo ed elasticità.

Tra gli ingredienti da evitare troviamo i siliconi, che producono un film occludente e i petrolati, derivati appunto del petrolio.

Prezzo medio delle maschere per capelli

In commercio si trovano diversi tipi di maschere i cui prezzi sono davvero differenti e stabilire il costo medio è un’impresa ardua.

Di solito le maschere vengono vendute in barattoli e un prodotto di massa può costare intorno ai 5 euro, mentre uno di brand professionali può superare i 100 euro per 200 ml di prodotto.

Alcuni marchi vendono anche delle bustine monodose, utilissime per chi vuole testare la maschera prima di acquistare un barattolo intero.

I capelli: come e da cosa sono formati

Non occorre essere grandi esperti, ma conoscere almeno le informazioni basilari sui capelli è il primo passo per comprendere meglio come scegliere la migliore maschera capelli in base alle proprie esigenze, essendo così consapevoli di come agiscono i vari ingredienti.

Vediamo quindi le varie parti che costituiscono il capello:

Fusto

Il fusto è la parte di capello a contatto con l’aria, ovvero quella che va dal cuoio capelluto alla punta. Questa è la parte morta del capello.

Radice

La radice si trova sotto al cuoio capelluto ed è la parte viva del capello e che ne garantisce la crescita corretta.

Bulbo

Il bulbo ospita il capello dalla sua nascita ed è situato nella parte più profonda del follicolo.

Ghiandole sebacee e sudoripare

La lubrificazione prodotta da queste ghiandole, ovvero il sebo, protegge cuoio capelluto e capelli dagli agenti esterni. L’eccesso di produzione di sebo o la sua scarsa produzione, porta i capelli ad essere grassi o secchi.

Muscolo erettore

Questo muscolo è lo stesso che si trova nei peli: quando si “rizzano i peli” per il freddo accade appunto per la presenza di questo muscolo.

Capillari

Il compito dei capillari è quello di apportare le sostanze nutritive.

Il fusto è la parte esterna, quella che mostriamo agli altri. Per la salute del capello è indispensabile che ogni parte di esso sia ben curata, ma in questo caso il fusto è l’elemento sul quale ci concentreremo, in quanto parte principale coinvolta nel funzionamento delle maschere per capelli.

Il fusto è formato da 3 strati: cuticola, corteccia e midollo.

Midollo

Il midollo è lo scheletro di ogni capello ed è formato da cellule di cheratina. Il midollo può essere molto spesso o addirittura assente: più il midollo è “grande”, più il capello è resistente, se è assente avremo capelli molto sottili e fini.

Le cellule di cheratina sono separate tra loro: gli spazi vuoti influiscono sulla tonalità dei capelli.

Corteccia

La corteccia si trova tra la parte più interna, ovvero il midollo, e quella più esterna del capello, ovvero la cuticola. Essa è formata da granuli di melanina, da cui dipende il colore dei capelli, e da strati di cellule di cheratina dura.

La consistenza e la forma del capello sono determinate dalla corteccia, il cui spessore rappresenta l’80% del capello. I capelli fragili che tendono a spezzarsi, sono causa di una corteccia danneggiata.

Cuticola

La cuticola è la parte più esterna del capello ed è costituita cellule di cheratina dura e più strati protettivi (5-6) di cellule trasparenti.

Le cellule sono disposte a scaglie, come le squame dei pesci: quando le squame sono ben aderenti i capelli sono sani, quando esse sono invece sollevate i capelli sono secchi e danneggiati.

Una cuticola rovinata mette a rischio le parti più interne del capello, per questo va protetta il più possibile, per mantenere i capelli lucidi e morbidi. La cuticola deve essere quindi protetta da phon, piastre, prodotti aggressivi e agenti atmosferici, una cuticola sana protegge a sua volta la corteccia.

Quando si fanno tinte o decolorazioni, le squame si sollevano, permettendo ai prodotti di entrare nella corteccia e modificare il colore dei capelli. Questo processo è molto stressante per il capello, così come lo è sottoporlo a cloro, raggi UV etc.

La funzione di una maschera è quella di apportare sostanze che possano riportare la chioma in uno stato ottimale.

Come si utilizza una maschera per capelli?

Dopo aver lavato i capelli, la maschera va applicata e lasciata in posa per un periodo che si aggira intorno ai 10 minuti, anche se ci sono prodotti con tempi di posa molto più brevi o molto più lunghi.

Al termine del tempo di posa bisogna sciacquare con cura e procedere con la normale routine. Semplice vero? Insomma, perché non rimettere in forma i capelli se oggi è possibile farlo in pochi minuti?

Le maschere per capelli non vanno applicate tutti i giorni, ma devono essere impiegate una o due volte alla settimana e possono diventare un’ottimo motivo per concedersi un momento di relax nella vasca da bagno durante il periodo di posa.

Questo è il procedimento richiesto dalla maggior parte dei prodotti, ma in commercio si trovano anche maschere che prevedono un utilizzo diverso. Un esempio sono le maschere che vanno utilizzate prima di fare lo shampoo: queste possono richiedere tempi di posa molto lunghi ed essere molto oleose, in quanto il lavaggio successivo provvederà a eliminare l’unto.

Essendo maschere molto potenti, possono essere usate anche una sola volta al mese; chi ah capelli particolarmente rovinati dovrà anche in questo caso farne uso più spesso, attenendosi sempre alle istruzioni.

Molto apprezzate sono anche le maschere 3 in 1: esse possono essere usate come balsamo, come maschera e anche essere applicate sui capelli bagnati o asciutti senza risciacquo! Questo tipo di prodotto è fantastico durante le vacanze, in quanto permette di portare un solo barattolo e far fronte a diversi utilizzi.

Ogni prodotto ha le proprie regole, tempi di posa, numero di applicazioni, … Leggere le istruzioni è sempre fondamentale, in quanto un utilizzo scorretto può vanificare gli effetti promessi dalla maschera.

Come scegliere una maschera per capelli?

Per scegliere tra le migliori maschere per capelli quella più adatta, occorre tener presenti diversi fattori, che ora vedremo insieme nel dettaglio.

Beneficio

Il beneficio è la prima cosa di cui tener conto quando ci si trova a dover scegliere una maschera per capelli: cos’hanno i tuoi capelli che non va? Cosa devi migliorare? Che necessità hai? Che tipo di chioma hai? Controlla bene i tuoi capelli, saprai di certo se sono ricci o lisci, ma osserva se risultano secchi o tendono al grasso, se sono fragili o crespi e in base a ciò scegli una maschera specifica. Se utilizzi una maschera molto oleosa e hai i capelli grassi, otterrai l’effetto contrario!

Ingredienti

In base al beneficio vengono usati ingredienti diversi, quindi in teoria scegliendo la maschera specifica per un determinato problema si avranno gli ingredienti adatti. Conoscere i vari ingredienti può essere utile per evitare prodotti che includono componenti dannose e per adattare la scelta a capelli che mostrano più caratteristiche: se hai ad esempio i capelli ricci e di recente si sono rovinati a causa di una tintura, ti conviene dare precedenza a un prodotto per capelli trattati e danneggiati, scegliendo tra le varie opzioni la marca che offre il prodotto meno “pesante”. Gli ingredienti sono indicati in un ordine ben preciso, ovvero in ordine da quello presente in quantità maggiore fino all’ultimo, che è quello presente in quantità minore. Le percentuali non sono indicate, sta di fatto però che una maschera che include mille ingredienti prima di arrivare all’ingrediente fondamentale potrebbe indicarne una presenza molto bassa! Leggere gli ingredienti permette di scoprire anche se un prodotto è vegano o particolarmente eco-friendly, qualità molto ricercate negli ultimi anni.

Utilizzo

Meglio una maschera da tenere in posa 3 ore una volta al mese mentre si fanno le faccende domestiche o una da usare settimanalmente per 10 minuti? Questo fattore è importante ma molto personale. Se non ti piace fare il bagno e preferisci la doccia, il tempo di possa potrebbe risultare noioso e potresti quindi preferire una maschera da tenere in posa per ore ma mentre non rinunci alle faccende domestiche.

I prodotti specifici sono sicuramente più efficaci di quelli 3 in 1, ma se non hai particolari esigenze e i tuoi capelli sono già in buono stato questi ultimi possono essere più che validi. Come detto prima essi sono utilissimi in vacanza, permettendo di portare un solo prodotto per usarlo anche come balsamo e per applicarlo senza risciacquo prima di scendere in spiaggia.

Profumazione

La profumazione non è la prima cosa da guardare: esistono prodotti molto efficaci che non hanno un odore buonissimo, ma questi sono in genere quelli da usare prima del lavaggio dei capelli.

I gusti sono personali e, solo dopo aver individuato le varie maschere con le caratteristiche giuste per i tuoi bisogni, potrai scegliere quella che acquisterai in base al profumo.

Prezzo

Prima abbiamo notato che i prezzi sono molto variabili e ognuno deve scegliere anche in base alle proprie possibilità economiche. Quando si valuta la convenienza occorre però stare attenti ad alcuni fattori che possono ingannare a prima vista! Se vedi una maschera da 5 euro, non è detto che sia più conveniente rispetto a una da 20: quanti ml di prodotto ci sono nella confezione? Quanto prodotto bisogna applicare ogni volta? E ogni quanto devo fare la maschera? Tieni conto di questi particolari e potrai individuare la vera convenienza! Una maschera da 10 euro per 100 ml, da applicare una volta a settimana in una quantità di circa 10 ml durerà 10 utilizzi e 2 mesi e mezzo, mentre una da 5 euro per 200 ml da applicare due volte a settimana in una quantità di 30 ml durerà circa 7 utilizzi, ovvero meno di un mese: a conti fatti è più conveniente quella che a prima vista sembrava la più cara.

Fai da te o commerciale?

Esistono un sacco di ricette per prepararsi una maschera per capelli fai da te e sicuramente sarà poco costosa e completamente biologica. Perché acquistare una prodotto se posso farlo tranquillamente a casa?

Le maschere in barattolo sono sempre pronte all’uso, mentre quelle fai da te devono essere preparate ogni volta al momento, in quanto i vari ingredienti possono “andare a male” e non possono quindi essere conservati.

Altro punto a favore dei prodotti commerciali è il profumo: l’uovo è ad esempio uno dei rimedi più efficaci e le maschere nutrienti spesso includono i suoi minerali, proteine e vitamine, ma se opti per una maschera fai da te avrai una chioma al profumo di uovo, fragranza non certo delle più invitanti.

Consigli per l’utilizzo delle maschere per capelli

Tempo di posa

E’ inutile acquistare le migliori maschere per capelli se non si rispetta il tempo di posa!Seguire le istruzioni è fondamentale per ottenere gli effetti promessi dalla maschera, se non la tieni sui capelli per il periodo previsto potrebbe non funzionare a dovere.

Facendo la doccia il tempo di posa potrebbe risultare noioso: cosa si fa in piedi per 10 minuti? D’inverno potrebbe anche fare freddo! In questo caso ti consigliamo di scegliere un prodotto ultra veloce, con tempi di posa inferiori, oppure di fare il bagno anziché la doccia. Un’altra soluzione potrebbe essere quella di scegliere una maschera da usare prima del lavaggio, in modo da tenerla sui capelli mentre guardi la tv o svolgi le faccende domestiche.

Al contrario, tempi di posa maggiori di quelli richiesti non portano benefici maggiori: le tempistiche stabilite dal produttore sono quelle ideali per far agire la maschera, superare il tempo di posa non serve ad aumentarne l’efficacia, in quanto il capello può assorbire solo una determinata quantità di elementi.

Balsamo o maschera?

Balsamo e maschera per capelli sono due prodotti completamente diversi tra loro! Il balsamo ha un effetto immediato e aiuta a districare i capelli, rendendoli facili da pettinare ed evitando che la trazione meccanica di pettini e spazzole possa spezzare o stressare i capelli. La maschera ha invece un effetto a lungo termine e deve essere usata con costanza: non fermarti alla prima applicazione, potrebbe essere necessario un periodo più lungo per vedere effetti notevoli!

Se la maschera rende i tuoi capelli anche ben pettinabili, puoi evitare il balsamo e utilizzarlo solo durante i lavaggi che non prevedono applicazioni di maschere. La scelta è soggettiva e dipende dalla reazione del capello e dai prodotti impiegati: a volte usare sia balsamo che maschera può appesantire la chioma, altre volte può invece essere utile. Il consiglio è quindi quello di fare delle prove e decidere come procedere.

Applicazione

maschera capelliQuanto prodotto usare? Va messo solo sulle punte o su tutta la lunghezza?

In genere la quantità da utilizzare è pari a una noce, ma capelli particolarmente lunghi o corti possono richiedere un adeguamento della dose. Le maschere vanno applicate con un pennello o con le mani, aiutandosi con un pettine a denti larghi per facilitare la distribuzione uniforme. Anche il cuoio capelluto deve essere trattato, in modo da agire su tutta la lunghezza. Se hai problemi limitati alle punte, puoi procedere solo sulle mezze lunghezze: è il caso ad esempio degli shatush, in cui la decolorazione non parte dall’attaccatura, ma solo da una certa lunghezza in giù: se i tuoi capelli naturali sono sani e devi solo ristrutturarne la parte finale puoi quindi decidere di usare la maschera solo su quella zona. Un’applicazione su tutta la capigliatura è migliore: perché non approfittare e migliorare la salute di tutto il capello? Ci sono però alcuni casi in cui è meglio agire solo su determinate lunghezze: se hai capelli grassi, ma la parte finale necessita di essere idratata, potresti decidere di acquistare una maschera idratante e molto nutriente, che non sarebbe però adatta a un cuoio capelluto ricco di sebo.

Dieta

Ciò che mangiamo si riflette anche sulle nostre chiome! Un’alimentazione sana e corretta migliora anche l’aspetto dei capelli, apportando le sostanze necessarie a renderli forti e vigorosi. Adottare un regime alimentare con il giusto apporto di proteine e frutta e verdura, non solo migliorerai l’aspetto dei tuoi capelli, ma anche la tua salute!

Piastre e phon

Oltre all’utilizzo delle maschere per capelli, limitare l’utilizzo di piastre e phon può fare la differenza sulla chioma!

Spesso usiamo piastre e arricciacapelli in modo esagerato: cerca di limitare l’arricciacapelli alle occasioni speciali e non piastrare i capelli per stare in casa! Se il tuo lavoro richiede un aspetto sempre molto curato, puoi piastrare i capelli dopo il lavaggio e quando iniziano a ondularsi utilizzare dei tools per creare acconciature meravigliose e alla moda, che ti permetteranno di evitare un secondo giro di piastra tra un lavaggio e l’altro.

Se proprio non puoi farne a meno, cerca di utilizzare dei termoprotettori.

L’utilizzo del phon può essere limitato tamponando accuratamente i capelli prima di asciugarli: in questo modo si userà il phon per meno tempo!

Acconciature

Anche gli elastici sono nemici dei capelli, o almeno se utilizzati per troppo tempo e sempre nello stesso punto: cerca quindi di fare la tua coda di cavallo ad altezze diverse.

La lacca deve essere usata moderatamente, in quanto un abuso può danneggiare i capelli. In particolare è sconsigliato vaporizzarla prima dell’uso della piastra, in quanto l’alcool presente nella bomboletta si riscalda a contatto col calore e il rischio è quello di bruciare i capelli. Inalare la lacca è dannoso per la salute: cerca quindi di vaporizzarla in luogo areato.

Per limitare l’uso della lacca puoi alternarla con gel o cera, scegliendo sempre prodotti di qualità: è inutile usare mille prodotti per proteggere i capelli se essi sono scarsi! Perderai solo tempo! Prenditi sempre qualche minuto per analizzare l’inci.