I migliori rasoi elettrici 2018

Informazioni generali sui rasoi elettrici

Oggi abbiamo deciso di parlare di rasoi elettrici e un rasoio elettrico da barba nostro figlio, nostro fratello, nostro cugino, nostro marito o nostro padre sicuro l’ha usato o lo usa ancora. Un rasoio da barba che dovrà essere il miglior rasoio elettrico sul mercato e che sarà facile spiegare con tante informazioni in questo articolo che è stato scritto apposta. Abbiamo anche il rasoio elettrico regolabarba che è un altro pezzo molto richiesto di questi ultimi anni grazie al fatto che molti ragazzi abbiano la barba e vogliano solo regolarla, senza tagliarla del tutto. Un rasoio elettrico ha prezzi differenti ed è anche giusto che abbia così tante differenze perché sarà più facili capire quali siano i migliori rasoi elettrici in tutta questa offerta. I migliori rasoi elettrici saranno sempre quelli che avranno le caratteristiche giuste per quelle che sono le nostre esigenze. Abbiamo che quello che funzione come rasoio elettrico per capelli, anche nelle sue versioni più sofisticate come il rasoio elettrico per capelli professionale a 0 millimetri. Quello che guarderemo del rasoio elettrico saranno le offerte più vantaggiose, sia per il rasoio barba elettrico sia per un rasoio elettrico per capelli. Dobbiamo anche capire a chi serva un rasoio elettrico professionale e a chi un rasoio eletrico che non sia poi così tanto sofisticato o costoso ma che possa funzionare bene per un uso quotidiano. I rasoi elettrici da barba sono oggetti che fanno parte della quotidianità di un uomo e dobbiamo sempre averne uno che funzioni bene, che non ci irriti la pelle, che non ci faccia male. Questo articolo, quindi ci aiuterà a capire di un rasoio elettrico quale scegliere. Dobbiamo ammettere che un rasoio elettrico possiamo sceglierlo da Expert così come sempre lì possiamo controllare il costo di un rasoio elettrico ma questi negozi che sono addetti alla vendita di rasoi elettrici non c’è mai la scelta, in effetti, che si può trovare sul web. Infatti in rete è molto probabile trovare un rasoio elettrico in offerta tra i tanti rasoi elettrici in offerta. Allora vediamo insieme anche come sono nati i rasoi elettrici, da chi sono stati inventati.

I primi rasoi elettrici sono stata inventati dalla Philips, l’azienda multinazionale olandese che ancora adesso li produce. Durante gli anni 30 la Philips si trova nella condizione di inventare nuovi prodotti per rimestare un po’ l’acqua stagnante del mercato dopo la recessione degli anni Venti. Questa idea del rasoio elettrico viene importata dagli USA e bisogna dire che all’inizio non ci si voleva neppure investire su. Ma un ingegnere molto cocciuto, tale Horowitz, convinse la Philips a tirare fuori i suoi Philipshave. Questo tipo di rasoio fu quello più venduto poi in tutto il mondo, anche se i primi a tirare fuori i rasoi a secco furono gli americani nel 1930 con i modelli Zephyr e Rotoshaver. Horowitz, però, è il primo che utilizza la testina rotante che è ancora adesso il meccanismo più usato. Questa testina è organizzata con un telaio che ha tre lamelle montate che girano molto velocemente grazie alla spinta di un motorino elettrico. Questo telaio è in uno slot protettivo in cui ci sono delle fessure in cui entrano i peli della barba e vengono tagliati dalle lamelle in azione. Questo tipo di prodotto è rimasto praticamente identico negli ultimi 90 anni.

Come funzionano i rasoi elettrici?

Quello che secondo me è più importante in un rasoio elettrico è certamente il taglio che è in grado di fare. Bisogna dire che se un rasoio funziona bene si deve avere ben chiara sia la sua qualità che la velocità del taglio. Parliamo, infatti, sia del taglio ma anche del fatto di poter essere delicato sulla pelle.

rasoio elettrico barbaAbbiamo due grandi tipi di rasoi, cioè quello con le testine che ruotano e quelli con le lame. Infatti questi due sistemi non sono poi così tanto diversi nelle prestazioni ma devo dire che sono molto diversi nella struttura.

C’è un terzo tipo di rasoio che è quello della serie OneBlade. Ma di questo qui ne parleremo poi in quelle che sono le novità del settore.

Dobbiamo sempre vedere se questo sistema sia piuttosto flessibile e se riesce a seguire le forme di un viso come di un altro e non tutti i visi sono uguali. Bisogna anche capire se è in grado di sollevare bene il pelo per essere tagliato e che tagli non solo i peli già corti ma anche quelli lunghi. Devo dire che tutti i rasoi sono in grado di fare quello che vogliamo che facciano anche se costano decisamente poco. Devo dire che se costano veramente poco è probabile che ci sia meno qualità. Ma comunque, nonostante tutto, abbiamo a che fare sempre con buon sistema e una buona qualità.

Infatti seguire quella che è la forma del viso di qualcuno e nel frattempo riuscire a prendere tutti i peli non è affatto semplice, specie se i visi che vengono in contatto con il rasoio non sono regolari e piuttosto spigolosi. Devo dire che un sistema flessibile permette un contatto sempre tra l’apparecchio e la pelle e quindi non c’è mai bisogno di ripassare quello stesso punto più e più volte. Quindi devo ammettere che il punto fondamentale non è tanto quella di scegliere tra lamine e testine ma il modo in cui si approcciano al viso e la tangente che usano per tagliare il pelo. Questo farà in modo che la rasatura sia ancora più veloce e precisa.

Un buon rasoio elettrico deve avere anche un sistema che sollevi il pelo, quindi un sistema, appunto, che cattura anche i peli corti, quelli più difficile da prendere. Devo dire che questa funzione qui serve per fare quell’effetto lametta che serve per chi ha voglia di essere rasato di fresco o che non hanno peli che crescono uniformemente ma qualcuno cresce prima di un altro.

Per chi, invece, non si rade di frequente è bene prendere sempre in considerazione un rasoio che abbia a che fare con dei peli più lunghi e che sia in grado di lavorare con peli, appunto, non tanto corti. I peli quelli più lunghi, infatti, non vengono rasati subito ma vanno inseriti in delle fessure e prima tagliati, anche solo per essere accorciati, cosa che va moltissimo di moda negli ultimi anni di barbuti hipster, non c’è che dire.

Di quali parti sono costituiti i rasoi elettrici

Dobbiamo che pensare a quali sono le parti che compongono un rasoio elettrico e infatti io vorrei sforzarmi di restare sulla struttura perché è proprio la struttura che permette al rasoio sia di eseguire al meglio la rasatura, sia di essere molto maneggevole e quindi più facile da utilizzare. Abbiamo due strutture da analizzare, quindi quelli a testine rotanti e quelli a lamine. Quello che è il sistema con cui il rasoio taglia implica anche la forma del rasoio e come opera. Ci sono delle marche funzionano meglio con le testine e delle marche che invece ragionano con le lamine. Ma sappiate che non sono poi tante, abbiamo più che altro grandi gruppi che sono rimasti aggrappati a un certo modo di rasare e altri che si sono specializzati in un altro modo.

Quelli che sono i rasoi con le testine rotanti funzionano così: sono dei triangoli che sono composti da 3 testine che ruotano, e tra queste c’è una lama a forma circolare che taglia. Per avere un utilizzo migliore di questo tipo di apparecchio è bene fare movimenti circolari mentre le testine si muovono sulla zona che si vuole radere. Le nuove testine rotanti, di solito, fanno sì di poter essere sostituite o con un regola barba o con un trimmer, cioè è importante sapere che la testa si può cambiare mentre il corpo con la batteria resta lo stesso, creando un comodissimo prodotto ibrido che può servire per un sacco di cose diverse.

La struttura con le lamine presenta delle lamine che sono bucate e in quei fori si incastra appunto il pelo che viene poi tagliato dalla lama che è all’interno. Questo lo si ottiene facendo dei movimenti regolari come con la più classica delle lamette. Quale sia la migliore delle due strutture devo ammettere che mi risulta parecchio difficile perché è una scelta che corrisponde poi moltissimo a quella che è la propria esigenza di rasatura. Infatti le testine sono più veloci ma c’è che trova maggiore precisione con le lamine. Anche se questo poi neppure è verissimo perché parecchi modelli con le testine rotanti sono dotati anche delle testine per rifinire la barba. Ci sono anche modelli che non hanno 3 testine ma 5 che sono apparecchi velocissimi ma che sono molto poco adatti per rasare uno spazio piccolo e che non sono così agili anche nel rasare quelle che non sono zone piane.

Come si taglia, di solito, determina anche quella che è la fisionomia del rasoio. Quelli che sono a testine sono più massicci e compatti, così come anche una struttura ergonomica che è facile da tenere in mano. I modelli più costosi sono quelli che hanno regolatore o rifinitore intercambiabile con la testina. Quelli a lamina sono più piatti e più larghi, quindi facilitano il movimento della rasatura che ben serve a quello che dobbiamo fare. Possiamo anche parlare di rasoi elettrici che possono essere usati sotto la doccia, ovviamente devono essere resistenti all’acqua e in più avere un’impugnatura anti-scivolo, come della gomma ai lati che terrà un’impugnatura più solida. Le dimensioni di entrambi i rasoi è abbastanza simile, infatti pesano al massimo 500 grammi. Ovviamente poco ce ne frega del peso se non è troppo pesante e se non dobbiamo viaggiare con una valigia al milligrammo. I materiali di cui sono composti i rasoi sono per lo più la plastica ma nel corpo, le parti taglienti sono di metallo. Mi raccomando di non comprare apparecchi scadenti anche per far sì che questo tipo di parti si assemblino con una certa facilità ma al tempo stesso in modo sicuro.

Non vogliamo di certo che capiti che una parte cada mentre ci si rade.

MIgliori caratteristiche dei rasoi elettrici

Devo dire che fino ad ora abbiamo parlato della struttura e delle parti che compongono i vari rasoi elettrici ma è molto importante parlare anche degli accessori più particolari che rendono un rasoio unico o che ci permettono di scegliere un apparecchio invece di un altro.

Alcuni rasoi, infatti, hanno un display, ad esempio, che è in grado di essere molto intelligente e intelligibile e ci dà una serie di informazioni molto interessanti. Ad esempio ci può dire quando va cambiata la lama, quando devono essere cambiate le batterie o bloccare l’apparecchio quando siamo in viaggio. Altri rasoi hanno anche un’altra testina di default per regolare la barba. E questa testina fa un taglio che va da 0.5 fino a 5 millimetri di lunghezza. Possiamo anche avere di default un rifinitore di barba, sempre per la teoria per cui alcuni modelli, decisamente costosi, hanno nel loro interno una serie di testine intercambiabili che permettono di avere lo stesso corpo macchina e poi una serie di testine. C’è da dire che per rifinire le basette o lavorare sui dettagli sarà molto meglio che ci sia anche questo tipo di ricambio. Così come il regolatore di peli corporei che, in effetti, sembra essere un gran bel regalo per chi ha speso abbastanza soldi nello scegliere proprio il migliore tra i rasoi. C’è anche chi sceglie un rasoio per avere una custodia rigida, molto buona per viaggiare, cioè per mettere il rasoio in valigia in sicurezza, soprattutto se il rasoio non ha le lame che si bloccano. Altra cosa interessante è la base in cui si alloggia il rasoio che funge anche da caricabatteria. Il kit completo prevede anche uno spazzolino che pulisce le lame dai peli e un cappuccio che protegge la testina. Alcuni hanno anche la funzione refrigerante che permette di avere una crema che rinfresca al momento del taglio. Ci sono altri modelli che hanno la funzione turbo che permette di lavorare sulle zone con i peli più folti. Così come la funzione Wet&Dry che è in grado di far funzionare il rasoio sia sotto la doccia che poi invece in condizioni normali, quindi senza acqua. Ogni modello ha infatti la possibilità di essere impermeabili. Alcuni modelli sono in grado di farci la barba sotto una doccia scrosciante e altri invece accettano solo che il viso sia bagnato. Ma in ogni caso sono abbastanza impermeabili tutti i modelli. Anche perché parecchie volte già usando gel e schiuma da barba queste testine possono bagnarsi in maniera evidente.

Rasoi elettrici tendenze future

Quando mi chiedono di parlare di tendenze future su oggetti che sono sempre rimasti più o meno simili nel tempo resto sempre un po’ basita ma devo anche dire che in questo caso c’è una serie di rasoi di una marca in particolare che in questi ultimi anni hanno fatto davvero la differenza. E io questa differenza ve la voglio raccontare per bene perché è normale che dopo decenni di rasoi tutti uguali si sia in grado di poter fare bene. Questa serie che si chiama OneBlade è innovativa e davvero molto particolare. Infatti parliamo di dentini che formano un blocco in grado di radere, quindi come quello di un comune regolabarba. Ma in questo caso questi dentini sono perfetti per radere a zero. Dobbiamo dire che stiamo parlando di modelli che non sono neppure così costosi e che sono perfetti per quei tipi di rasatura che non sono troppo difficili. Dobbiamo anche dire che ci sono diverse lunghezze e diversi dentini da usare per modellare, regolare o rasare. Questo tipo di modello è anche molto più maneggevole per chi ha deciso di usarlo tanto che si può tenere anche solo con tre dita che rende il movimento molto più libero. La testina poi si aggancia direttamente al collo di quel prodotto e quindi è in grado di fare i movimenti più complessi tra tutti. Cioè devo dirlo che non è molto veloce e neppure tanto potente ma per le rifiniture è davvero incredibile.

Fascia di prezzo media dei rasoi elettrici

Questo è un ragionamento che fa chiunque abbia intenzione di fare un acquisto: ma quanto costa quel tipo lì e quanto costa quest’altro? Mi conviene comprare un oggetto che costi così tanto o sarebbe preferibile fare in modo di acquistare un prodotto che sia più economico e che non incida poi più di tanto su quello che è il budget familiare? Devo dire che i rasoi hanno un range di prezzo molto differente, su questo non c’è che dire e quindi la scelta può essere altrettanto interessante per chi ha più soldi come per chi ne ha meno. Infatti devo dire che mi piace sempre molto capire chi ho di fronte e poi dare loro una serie di possibilità. In quelli che sono i modelli più interessanti di quest’anno abbiamo rasoi che costano circa 60 euro e certi altri che costano più di 220 euro. Questo, ovviamente, nasce in base al fatto che questi modelli hanno chi più accessori chi meno accessori, c’è chi ha una testina più articolata e un’altra che è molto semplice ma comunque efficace. Ricordatevi che io parlo sempre e comunque di rasoi di un certo livello e certo non di cinesate che ci possano spaccare la faccia.

Perché i rasoi elettrici sono migliori di altri prodotti simili?

Io trovo che il rasoio elettrico sia molto comodo e che sia molto più difficile farsi male. Oltretutto in termini di tempo il paragone è praticamente impossibile perché noi stiamo parlando di un apparecchio che è in grado di sbarbarci in poco meno di un minuto. E che sa essere molto accurato, soprattutto se stiamo parlando di un prodotto di alto livello. Ho scritto un articolo anche sui rasoi quelli manuali e devo ammettere che anche quel tipo di modello, ovviamente non elettrico, è molto bello. E’ bello se hai voglia di dare alla rasatura un’aura old style e se hai il tempo per prenderti cura del tuo viso, del tuo rasoio con la lama a scomparsa, della schiuma da barba e del pennello. Devo dire che solo a scriverlo mi rendo conto che ci vorrà un bel po’ di tempo per arrivare a fare una cosa del genere. E molta gente non ha affatto tempo ma proprio per nulla. E per questa ragione è bene sempre immaginare di usare un rasoio elettrico prima di andare al lavoro perché mi sembra più fattibile da usare anche in assenza di tempo.

Come scegliere un rasoio elettrico?

Non so perché poi uno ci si trovi a ragionare su quello che una persona può o deve fare per essere felice con le proprie scelte. C’è gente che è contenta anche e soprattutto quando spende poco e questo è un dato di fatto da cui non possiamo mai allontanarci più di tanto. Ma questa per me è sempre un’arma a doppio taglio perché la scelta spasmodica di dover risparmiare rende poi tutto davvero sterile, cioè si basa tutto sul fatto che un pezzo sia meno costoso di un altro. E lo trovo gretto e anche stupido perché quella 20 euro in più che neppure sai di poter mettere tranquillamente molto probabilmente ti porterà a guadagnare in durata dell’apparecchio almeno un paio di anni. E questo non è affatto una cosa da non prendere in considerazione. Considero davvero scellerata l’idea di basarsi solo sul prezzo ma, casomai, di aspettare un altro po’ e di essere in grado di comprare un apparecchio migliore che sia in grado di donare maggiore stabilità e un rapporto qualità – prezzo migliore. Un motivo, quindi, in più per leggere questi articoli informativi che fanno in modo che non si arrivi impreparati a un acquisto importante.

Suggerimenti per l’utilizzo di rasoi elettrici

Quando mi hanno chiesto di parlare di rasoi elettrici mi sono chiesta anche se uno preferisse usare un rasoio che si alimenta con la presa della corrente o quelli che sono considerati dei modelli cordless. Devo dire che questo tipo di tecnologia, se parliamo dei primi modelli, può considerarsi un po’ antiquata ma ha tutta una serie di vantaggi che io ho proprio voglia di tirare fuori, soprattutto per chi non ha voglia di pagare poi chissà quanti soldi per comprare un rasoio elettrico.

rasoio barbaInfatti i prezzi di cui stiamo parlando sono certamente più bassi, non abbiamo bisogno di pensare alla carica e alla ricarica perché c’è di mezzo la corrente elettrica, la potenza è sempre costante e non come i modelli a batteria che potrebbero perdere un po’ di potenza. Ovviamente, però, dobbiamo essere onesti e dobbiamo parlare anche degli svantaggi che sono altrettanti. Devo dire che funzionano solo con la presa vicino, quindi non ci si può spostare più di tanto. Dobbiamo anche dire che la potenza media di un apparecchio sia sempre meno potente di un modello che è in una fascia di prezzo superiore così come il cavo può sempre essere piuttosto fastidioso durante la rasatura. Ovviamente non si può usare sotto la doccia e neppure con un gel bagnato o una schiuma da barba. Quelli che sono i modelli a batteria hanno un discorso più complesso a cui fare riferimento. Ci sono, infatti, un sacco di modelli diversi e questi modelli hanno autonomia diverse, ricariche diverse, potenze e costanze diverse. Anche qua quelli che sono i rasoi che costano di più hanno capacità maggiori, così come per la batteria che nei modelli buoni è al litio e quindi resta potente uguale. Un tipo di batteria del genere, appunto, non perde mai potenza ma resta fino all’ultimo costante e potente come deve. Le altre batterie non mantengono lo stesso tipo di costanza, perdono potenza anche se durano di più. Anche le batterie al litio hanno, però, le loro magagne nel senso che quei modelli che costano di meno hanno delle batterie al litio che durano parecchio di meno e quindi non ti danno quel tipo di soddisfazione che ti aspetti da quel punto di vista. E poi se la batteria non va anche l’apparecchio non sarà mai poi chissà quanto potente. Molto bene poi la base che ricarica così che il prodotto sia sempre al massimo quando serve.

Abbiamo anche dei modelli potentissimi, che costano un sacco di soldi, e che si ricaricano al massimo della potenza dopo 5 minuti di carica e che permettono un perfetto rasoio wireless.

Quindi anche in questo caso è sempre bene avere ben chiaro quale sia il proprio obiettivo e se si ha voglia di fare questo tipo di acquisto cercando sempre di essere molto concentrati sul budget e su quello che vogliamo fare. Perché è questo quello che farà davvero la differenza tra un acquisto vero, che duri alla grande, e un acquisto fatto di fretta con qualche dubbio che non è stato fugato perché non si è letto nulla che potesse far cambiare idea o anzi ancora meglio far avere finalmente un’idea chiara.

Manuale per la cura dei rasoi elettrici

Ma come avere cura del proprio rasoio? La manutenzione, che è davvero fondamentale per far sì che le prestazioni restino al massimo della forma, come può essere fatta? Abbiamo già detto che possiamo avere dei suggerimenti in quelli che sono i modelli più sofisticati e che avendo il display ci possono indicare quando caricare la batteria e quando pulire le lame. Addirittura se stiamo parlando di un modello wet&dry si può lavare direttamente sotto l’acqua corrente del rubinetto. Se abbiamo voglia di un prodotto ancora più igienico e pulito c’è una base igienizzante che viene venduto con i modelli più sofisticati e che è in grado di igienizzare, appunto, in una maniera incredibile. Il rasoio con questa base fa sia da alloggio per il nostro rasoio che da ricarica e ha un display che ci dà un sacco di informazioni. Per esempio ci dice a che livello sta la batteria e poi ha un’azione igienizzante sulle lame che vengono anche lubrificate così che si possano eliminare quei batteri che fanno male alla cute e poi anche per mantenere molto alto il livello del taglio. Questo tipo di base che è quasi una stazione dedita all’igiene usa delle cartucce di liquido che pulisce e che va cambiato ogni 3 mesi. Il mio consiglio, per chi si rade in maniera regolare, è che questa base e questo liquido vadano usati almeno un paio di volte a settimana. Questo tipo di cartucce costano dai 20 ai 50 euro ma sono più o meno costose anche in base al modello che abbiamo deciso di comprare. Ovviamente è molto importante anche comprare delle testine e delle lamine ogni 2 anni. Anche qui ci troviamo davanti a una scelta di tempo che varia in base a quante volte usiamo il nostro rasoio. Anche qui se abbiamo o meno un rasoio che costi abbastanza abbassa o alza il prezzo del ricambio. Nel senso che se il rasoio è di fascia bassa ce la caviamo con 20 euro di ricariche, invece il prezzo aumenta nel momento in cui abbiamo a che fare con dei prodotti di fascia più alta fino ad arrivare a una ricarica che possa costare 60 euro o più.

Devo dire che questo viaggio in questo mondo dei rasoi elettrici è stato esaustivo e che mi ha portato a capire un bel po’ di cose che forse prima neppure sapevo. Ad esempio devo dire che stiamo parlando sempre di modelli molto buoni e che l’idea di igienizzarli dalla base la trovo davvero geniale. Non posso non dire che questi rasoi hanno aperto un mondo un bel po’ di anni fa e che per circa 90 anni sono rimasti uguali. Mi sembra una fascinazione molto interessante, quindi è bene studiare un po’ di più quelli che sono i miglioramenti di questi ultimi anni ed è bellissimo scoprirli insieme.